Mancarsi (e lasciarsi)

“Fede, ti prego non scherzare.” “Ginevra cosa devo fare con te?”  Fede dovresti lasciarmi, dovresti mollare la presa prima che sia troppo tardi, prima che ogni evento possa incatenarti a me o farti pentire di avermi amato. Fede lasciami, non è difficile. Sono due parole. Le puoi pronunciare velocemente e le capirò. Le puoi dire... Continue Reading →

Sorrisi quotidiani

Vorrei saper leggere nel pensiero, ma sono costretta a limitarmi a osservare e perdermi nelle piccole cose. Chissà com’è nato quel sorriso di quel ragazzo con la barba leggermente incolta a pochi passi da me. Ha preso il suo telefono e aprendo la chat su Telegram ha trovato un messaggio. Sì, ho sbirciato e non... Continue Reading →

Mancarsi. Ancora.

“Forse ho sentito così tanto la mancanza della tua presenza in questi mesi. Non sono più sicuro di volerti nella mia vita.” Rispondi o non rispondi? Rispondi, dai. La solita permalosa che mi fa impazzire. Sono stato frettoloso nel comporre quel messaggio, ma ha iniziato lei a tirare fuori il discorso del mancarsi. Mi ha... Continue Reading →

Mancarsi

“Cosa succede se quel mancarsi non basta più?” “Non lo so, davvero.” “Bene”. Erano settimane che aspettavo questo momento ed è inutile dire che tra tutte le varie possibili opzioni non avevo previsto una risposta del genere. Sono riuscita a chiudere la conversazione con un bene. Bene, cosa? Abbiamo appena mandato al diavolo una relazione... Continue Reading →

Costruire un’abitudine

Ci vogliono circa 21 giorni per creare un’abitudine. Un frammento di secondo per spezzarne una. Sarcasmo? Ironia? No, pura realtà. Costruisci, progetti, prendi impegni, fai promesse come se il tempo fosse illimitato e come se per te il per sempre fosse reale. Se ci credi magari funziona. Se qualcuno lo ha inventato vorrà dire che... Continue Reading →

Qualcosa cambia

Da quando abbiamo smesso di cercarci la vita ha un sapore diverso. Continua ad andare avanti, ma con una mancanza che non so se spiegare. Pure Tiziano Ferro ci ha fatto una canzone quindi non dovrei preoccuparmi. L’unica consapevolezza è che le giornate sono scandite come sempre. Mi alzo alle sei, brontolo (il giusto) contro... Continue Reading →

Tentativi vani

Con te le ho provate tutte. Fino a esaurire le idee, fino a esaurire la voglia di tentare ancora, fino a esaurire le energie. Fino a esaurirmi lentamente. Ci ho impiegato un po’ a capirlo. Il tempo di percorrere più volte la gradinata della stazione per andare e tornare. Per partire e pensare. Per arrivare... Continue Reading →

Partenze – Arrivi

C'è un ragazzo poco più in là da dove sono seduta che fissa il tabellone degli arrivi. Si alza, circa ogni dieci minuti, muovendo leggermente la panchina e controlla i gate. La maggior parte delle volte sospira e lentamente poi torna a sedersi. È alto, moro, occhi scuri, profondi e tiene il telefono in mano... Continue Reading →

Potresti

Potresti avere le parole giuste, ma sbagliare i tempi nel pronunciarle. Potresti aver paura di sbilanciarti e farti comunque male. Potresti aspettare l'attimo giusto e non trovare la tua occasione. Potresti avere tutte le carte per vincere la partita e distrarti perdendo. Potresti partire in orario e arrivare in ritardo. Potresti voler qualcuno, ma non... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑