Vuoti di memoria

Dimenticarsi delle cose può capitare, ma quando sono i ricordi e le abitudini a sbiadire lentamente? Mi sono sempre chiesta quanta paura si possa provare quando inizi ad accumulare vuoti e dubbi su tutto ciò che ti circonda. Quando i volti, anche quelli che sapresti riconoscere ad occhi chiusi, ti creano una sensazione di disorientamento... Continue Reading →

Polaroid

“Lo sai che hai un dono?” “Faccio scappare le persone, un talento vero.” “Non intendo questo.” “E cosa vorresti dire?” “Sei profonda, attenta ai dettagli, sensibile. Vedi oltre all’apparenza.” “Peccato che per la maggior parte del nostro tempo sia sufficiente la prima impressione per farci un’idea su chi abbiamo di fronte.” “Sei dura con te... Continue Reading →

La clessidra

Sono esattamente 5 mesi, 20 settimane, 153 giorni che le nostre vite non si incrociano. Neanche per sbaglio. Due perfetti sconosciuti. A dire il vero non so se il tempo che ho indicato nel conteggio sia corretto, ma quando un incipit inizia in modo così preciso ti aiuta a dare la giusta percezione delle cose... Continue Reading →

Mancarsi (e lasciarsi)

“Fede, ti prego non scherzare.” “Ginevra cosa devo fare con te?”  Fede dovresti lasciarmi, dovresti mollare la presa prima che sia troppo tardi, prima che ogni evento possa incatenarti a me o farti pentire di avermi amato. Fede lasciami, non è difficile. Sono due parole. Le puoi pronunciare velocemente e le capirò. Le puoi dire... Continue Reading →

Mancarsi a 672 chilometri

“Dimmi” Un esordio da Oscar, potrei quasi commuovermi. Forse avrei dovuto articolare la frase e aggiungere delle parole per sembrare cortese. Forse un attore alle prime armi farebbe più bella figura di me. Non sono bravo a improvvisare. Quando Ginevra parte in quarta non c’è ragione che tenga, parla parla parla e io dopo qualche... Continue Reading →

30 minuti per… Mancarsi.

“Ci sono.” Pazzesco come 30 minuti possano essere infiniti o rapidissimi a seconda della circostanza, della situazione e della giornata. Non ho mai capito come sia possibile, ma non è il momento per perdere altro tempo. Lui è pronto, sta aspettando. Ok, posso farcela. Inizio a comporre il suo numero con una lentezza immane quasi... Continue Reading →

Mancarsi. Con il tempo.

“Di quanto tempo hai bisogno?” 30 minuti, 24 ore, 3 giorni, 1 settimana. Una domanda del genere potrebbe aiutare, ma in realtà è un’arma a doppio taglio per prendere tempo. Prima del grande scontro. Prima di iniziare a rinfacciarsi tutto, anche cose futili e poco rilevanti. Hai fissato quella ragazza al pub, fossi stato solo... Continue Reading →

Mancarsi. Sbagliarsi.

“So che mi stai ignorando e non so quanto può fregartene, ma qui tutto bene. Ci stiamo spostando a Genova.” “Grazie.” Grazie. A volte penso di essere finito su candid camera. Non mi rivolge la parola da 8 giorni e se la conosco un po’ equivalgono a un vero inferno. Chissà cosa racchiude quel grazie:... Continue Reading →

Mancarsi, una questione di tempo.

"Non sono più sicuro di nulla, capisci? Mi dispiace, ti amo.” “Ancora?” “Cosa?” Ci sono poche cose nella vita che mi fanno arrabbiare: le persone indecise e i sentimenti buttati a metà nelle discussioni. Mi ama, pazzesco. Come se bastasse quello per dimenticare gli errori, le frasi dette prima di ritrovarsi a urlare cose mai... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑