Vuoti di memoria

Dimenticarsi delle cose può capitare, ma quando sono i ricordi e le abitudini a sbiadire lentamente? Mi sono sempre chiesta quanta paura si possa provare quando inizi ad accumulare vuoti e dubbi su tutto ciò che ti circonda. Quando i volti, anche quelli che sapresti riconoscere ad occhi chiusi, ti creano una sensazione di disorientamento... Continue Reading →

Perdersi

Vorrei riuscire a comporre un messaggio dotato di parole che abbiano un senso, ma quali potrebbero essere le più adatte per colmare un vuoto? Una voragine, per l'esattezza. Un abisso di cui non vedo il fondale. Un eco che si perde lasciandomi pietrificata. Ragionandoci sono tutte sensazioni dalle quali vorrei solo scappare, ma quello che... Continue Reading →

Lasciarsi un giorno a Roma

Stupiscimi prima che sia io a farlo, andandomene. Ho provato a ripeterlo nella mia mente una quantità di volte sufficienti da convincermi che solamente nei film le cose prendono davvero la piega giusta. Avrei voluto incrociare il tuo sguardo un’ultima volta maledicendo le mie guance rosse. Avrei voluto vivere l’autunno con te e non senza... Continue Reading →

Conti alla rovescia

Mancano 6 giorni al mio compleanno e non sono psicologicamente pronta a ricevere il tuo messaggio di auguri con un emoji sorridente. La solita che sorride, ma non troppo. Sorride il giusto per dire “toh mi sono ricordato” (e possiamo andare avanti). Mi mandi lo stesso messaggio ogni anno, puntuale sulla bacheca di Facebook. Sì,... Continue Reading →

Avrei una domanda

Ma ti sono mai piaciuta? Non sai quante volte avrei voluto voltarmi e chiedertelo. Sono arrivata al punto di azzardare la domanda, puntualmente però la timidezza bloccava tutto. Forse non ti ho mai dato modo di trovare qualcosa di bello in me da farti fermare o pensare anche per pochi istanti: la vorrei conoscere di... Continue Reading →

Solo noi due

Lo sai qual è la mia canzone preferita? No, non c’è nemmeno bisogno che tu lo ammetta. Non hai la più pallida di cosa ci sia nella mia playlist nel tragitto casa ufficio e se ne ho più di una a seconda del mio umore. Hai qualche idea su chi mi possa piacere, ma se... Continue Reading →

Non è tempo per noi

Questa mattina alla radio mentre passava “Non è tempo per noi” ho pensato a quanto sia buffo il destino e come tutto sia basato sul tempismo. Le relazioni. La proposta pensata non condivisa. L’abbraccio non dato. Il messaggio rimasto in bozze. Il bacio sperato. La corsa per prendere il tram con la consapevolezza di essere... Continue Reading →

Ascoltare

Tra i miei 5 oggetti indispensabili ci sono loro. Le cuffie. Immancabili nella borsa o nello zaino a seconda della circostanza e dei chilometri da macinare. Attaccate molto spesso al telefono durante il tratto bar ufficio, ufficio supermercato, casa collina, macchina stazione o al pc per un corretto isolamento dai rumori circostanti. Aggrovigliate secondo qualche... Continue Reading →

Risolvi il pensiero aggrovigliato

Chissà perché certi ricordi restano impressi nella mente e quando riemergono sembra di averli appena vissuti. Per esempio, sarei in grado senza esitazione di descrivere il giorno in cui è nato il primo pensiero aggrovigliato. Tutto è iniziato prima dell'arrivo dell'estate. Per l'esattezza, estate 2018.  Le parole si sono come allineate su una bozza del... Continue Reading →

Nodi

Ci sono una quantità di cose che nella nostra vita non hanno una spiegazione. Eventi, casi, fatti che succedono e basta. Questione di destino, questione di coincidenze, questione di essere capitato lì o forse doveva andare così. Provate a dirlo a qualcuno che ha perso una persona cara, a qualcuno che ha una manciata di... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑