Partenze – Arrivi

C’è un ragazzo poco più in là da dove sono seduta che fissa il tabellone degli arrivi. Si alza, circa ogni dieci minuti, muovendo leggermente la panchina e controlla i gate. La maggior parte delle volte sospira e lentamente poi torna a sedersi. È alto, moro, occhi scuri, profondi e tiene il telefono in mano con cui controlla, pure lì, l’orario. Sta aspettando qualcuno. Dal suo essere così irrequieto, mi sa che sta aspettando qualcuno di speciale perché un mazzo di girasoli non si regala a chiunque. Sono lì accanto a lui adagiati sulla panchina e incartati con una cura che solo una brava fiorista sa confezionare. Si alza nuovamente. Ancora nessun aggiornamento. Il tempo scorre, ma osservandolo sembra che il suo stia facendo qualche inversione di marcia. Senza saperlo abbiamo qualcosa in comune: la pazienza di saper aspettare. La cosa buffa? Si passa un sacco di tempo ad aspettare e poi quando sei lì pronto per vivere quel momento tutto corre a una velocità incredibile. Come se qualcuno premesse l’acceleratore. Il mazzo di fiori diventerà un ricordo e magari lei lo conserverà facendolo appassire con cura appendendolo nella sua stanza. Potrei suggerirle che la prima voce che appare su Google, quando fai quella ricerca strampalata su come conservare i girasoli, è una bufala. La cena a lume di candela seguendo con perplessità tutti i suggerimenti dell’amico fidato. Altro consiglio, i petali sul pavimento sono solo una boiata dei film romantici e causano scivolate incredibili. La notte a giocare tra le lenzuola per poi addormentarsi l’uno abbracciato all’altro. La mattina ancora mezzi assonnati infilarsi la prima maglietta che capita per correre a fare colazione al bar ricordandosi solo dopo che la domenica è sempre pieno di nonnini che vanno a messa. Il tempo vola. Per davvero. Forse per questo lui è così nervoso, ha paura di sprecare minuti per perdersi la vera occasione di essere felice. Avrei un ultimo consiglio, ma credo lo abbia appena capito quando si sono aperte le porte degli arrivi. Il momento più bello è l’abbraccio appena ritrovi quella persona speciale.

Canzone da ascoltare: Le chiavi di casa di Fabi 🎶

Tratto dai pensieri aggrovigliati del lunedì

2 risposte a "Partenze – Arrivi"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: